Come sapere se il nostro intestino è sporco?

Farshad Razazian
Posted in Uncategorized

Si intuisce che l’intestino è sporco quando cominciano a comparire alcuni sintomi tipici, tra cui:

.Pesantezza di stomaco
.Senso di fatica e bassa energia
.Gas e flatulenza
.Acidità e digestione lenta
.Eccesso di peso e desiderio continuo di cibo
.Allergia a determinati alimenti
.Mal di testa frequenti
.Disturbi del sonno
.Alito cattivo e secchezza della bocca
.Raffreddori frequenti e abbondante produzione di muco
.Disturbi della pelle come eruzioni, acne o secchezza
.Occhi arrossati e borse sotto gli occhi
.Caduta dei capelli

Come fare una pulizia del colon?
Per mantenere pulito il colon, è molto importante cambiare alcune abitudini di vita ed essere consapevoli che siamo noi stessi ad intossicare il nostro corpo con una cattiva alimentazione.

oltre questo il lavaggio intestinale è una terapia del tutto naturale che ci aiuta a pulire l’intestino e non solo.

Perché il colon è fondamentale per una buona salute?

Farshad Razazian
Posted in Uncategorized

Per comprendere l’importanza della Pulizia Intestinale, dovete pensare al vostro colon, come la stazione di gestione dei rifiuti del corpo. Tutte le cellule e i tessuti del corpo necessitano di due organi ben funzionanti, il Colon e il Fegato (organi principali per la Disintossicazione) i quali hanno il compito di purificare l’organismo dalle tossine.

Quando tutto funziona in modo efficiente, il colon è in grado non solo di gestire i rifiuti, ma anche di assorbire i nutrienti (come l’acqua, elettroliti e vitamine) dagli alimenti digeriti, per poi introdurli nell’organismo per essere utilizzati all’occorrenza.

In sostanza, è il colon a decidere cosa eliminare e quali sono le sostanze nutritive importanti da ridistribuire nell’organismo. Ecco perchè è importante che il colon sia funzionante al 100%.

Per effettuare la pulizia intestinale, ci sono delle terapie Naturali che ti possono aiutare a pulire il colon. La pulizia intestinale, oltre che a mantenere l’intestino in salute, aiuta anche perdere peso la dove è necessario.

“Il nostra cervello emotivo”

Farshad Razazian
Posted in Uncategorized

Sono tantissime le malattie che provocano disturbi all’apparato gastrointestinale, ma non sempre dietro un addome costantemente gonfio e affaticato c’è una patologia. Talvolta a provocare il problema c’è “solo”… la nostra psiche. Non a caso l’intestino viene definito anche il “secondo cervello”, ovvero un organo sensibilissimo che capta e reagisce ai nostri cambiamenti d’umore, al nostro livello di ansia e di stress, e che nelle persone particolarmente sensibili, ancor più se di sesso femminile e giovani, produce sintomi che sono un segnale da non sottovalutare. Certo, questi mal di pancia emotivi non sono gravi, non sono patologici ma… possono sempre diventarlo se non si affrontano le cause psicologiche che ne sono all’origine.
molte volte eliminando le tossine emotive che causano questi disturbi riusciamo a ritrovare il nostro benessere a livello gastrointestinale.
l’idrocolonterapia è sempre un’ ottima terapia per disintossicare il colon e sentirsi liberi da questi disturbi tra l’altro anche frequenti.

Il cervello addominale: ecco come le emozioni provocano disturbi digestivi e intestinali

Farshad Razazian
Posted in Uncategorized

Avete presente quando interiorizzate le emozioni, sensazioni e sentimenti così tanto da poterle sentire proprio con la pancia? Molti non sanno che nella pancia c’è un secondo cervello, quasi una copia di quello che abbiamo nella testa e che non serve solo alla digestione. Come il cervello della testa anche quello addominale produce sostanze psicoattive che influenzano gli stati d’animo, come la serotonina, la dopamina ma anche oppiacei antidolorifici e persino benzodiazepine.
In pratica, l’intestino si comporta come un secondo cervello (cervello emotivo) in grado di mandare segnali di stress in modo autonomo, condizionando la produzione dell’ormone del benessere, rilasciato proprio da quest’organo. Le discussioni in famiglia, la rabbia e le tensioni sul lavoro si accumulano proprio sull’addome, laddove, quando sei preoccupata, è subito possibile sentire lo stomaco che ‘tira’ o la pancia che si gonfia come un palloncino.

Correlazione tra stato emotivo e disturbi digestivi e intestinali

Farshad Razazian
Posted in Uncategorized

Ma come è possibile che una stitichezza ostinata, uno stomaco gonfio e dolorante che fatica a digerire anche il pasto più leggero possano essere conseguenza di uno stato emotivo alterato?

Consideriamo il funzionamento parallelo di questi due organi: intestino e cervello, che “dialogano” in modo molto più stretto di quanto possiamo immaginare. Infatti anche nell’intestino sono presenti cellule neuronali, seppur molte meno rispetto a quelle cerebrali, le quali, influenzate da fattori fisici e da stimoli di vario tipo, tra cui le emozioni interne, rilasciano ben il 95% della serotonina totale sprigionata dall’organismo.

La serotonina è proprio l’ormone che regola gli stati d’animo e le loro mutazioni, e le informazioni in esso presenti, vengono inviate direttamente al sistema limbico del cervello, che ha il compito di rielaborale. Quando le emozioni hanno un tratto negativo, e sono associate a stati di tensione e di ansia o di paura, allora il cervello invia all’intestino “l’ordine” di rilasciare altra serotonina per gestire il surplus emotivo ma questo ha delle conseguenze sulla funzionalità dell’apparato digestivo.

Cosa succede?

Ciò che accade è che la muscolatura addominale si contrae provocando gonfiore, diarrea o stitichezza, crampi, senso di tensione, spasmi. Ma non è finita qui, infatti la tensione emotiva, lo stress, inducono una iper-secrezione di acido cloridrico da parte dello stomaco, cosa che può alla lunga provocare infiammazione delle mucose e quindi bruciori, gastrite, persino ulcere.

La muscolatura addominale contratta nella zona diaframmatica, infine (cosa di cui ci accorgiamo quando tendiamo, senza renderci contro, a stare in apnea anziché respirare profondamente “di pancia”), rallenta la digestione e crea la classica dispepsia.

E’ dunque molto importante, una volta che gli esami clinici e i test allergologici abbiano escluso un’origine patologica dei nostri disturbi gastrointestinali, cercare di lavorare sul nostro stato psicologico, abbassando i livelli di stress e trovando delle valvole di sfogo.

Le emozioni negative possono farci ammalare, ricordiamocelo!

Sindrome del colon irritabile:l’idrocolonterapia, la cura naturale più efficace

Farshad Razazian
Posted in Uncategorized

Gonfiore addominale, difficoltà digestive e crampi sono sintomi riconducibili alla sindrome del colon irritabile, una patologia nota anche più comunemente con il nome di colite. Per evitare o ridurre l’irritazione del colon ci sono varie tipologie di cure; si tratta di rimedi naturali che se impiegati con costanza e in maniera corretta possono risolvere il problema efficacemente.
l’idrocolonterapia è senza alcun dubbio uno di questi rimedi e forse quello più efficace.

Perché l’Idrocolonterapia ?

Farshad Razazian
Posted in Uncategorized

Lo stile di vita moderno ha portato, come conseguenza, a problemi digestivi e ad una inadeguata eliminazione degli scarti, oltre ad un maggiore accumulo di tossine e sostanze dannose per il corpo.
Senza una dieta sana, esercizio fisico e, in generale senza uno stile di vita salutare, il nostro sistema digestivo ha difficoltà ad eliminare gli scarti che, a poco a poco, si depositano nel colon.
Il risultato è un accumulo di scorie nell’intestino crasso, accumulo che può arrivare a pesare da 2 ad 11 kg. Questo provoca la diffusione di batteri e tossine attraverso i capillari sanguigni della parete intestinale, l’intossicazione degli organi più importanti e, come conseguenza, problemi di salute cronici.
quindi è importante scegliere un metodo efficace sopratutto che sia una soluzione priva dei danni laterali ed effetti indesiderati.

l’idroterapia del colon è una terapia semplice ed efficace e sua volta senza alcun effetto indesiderato. il suo concetto antico lo rende uno strumento molto significativo per pulire intestino.